Famiglie e studenti

Europa unita, anche il liceo «Tito Lucrezio Caro» di Napoli all’evento sul manifesto di Ventotene

di Carmine Fotina

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Dal Manifesto di Ventotene al dibattito sulla crisi dell’Europa. Ripercorrendo tutto questo lungo tragitto, un liceo napoletano - lo scientifico «Tito Lucrezio Caro» - è entrato con un suo progetto nel VII ciclo di Seminari europei organizzato in occasione del trentennale della scomparsa di Altiero Spinelli (1986-2016).

La partecipazione dei ragazzi
Gli studenti saranno coinvolti nella giornata di chiusura incentrata sul seminario «Dal manifesto di Ventotene al Fiscal Compact», il prossimo 28 maggio a Ventotene. Alla giornata di chiusura parteciperanno, tra gli altri, Giuseppe Tesauro, presidente emerito della Corte Costituzionale, Antonio Tizzano, vicepresidente della Corte di Giustizia Ue, Gino Mirocle Crisci, rettore dell’Università della Calabria che organizza il ciclo di seminari, Guerino D’Ignazio, prorettore dell’università della Calabria, Francesco Raniolo, direttore Dipartimento scienze politiche e sociali dell’università della Calabria, Massimo Fragola, docente di diritto dell’Unione europea all’università della Calabria e la preside del «Tito Lucrezio Caro», Liana Nunziata. Saranno presenti anche il sindaco di Ventotene, Giuseppe Assenzo, e Gennaro Cosentino, presidente del Centro Rinascimento.

Il progetto
Il progetto del liceo culmina nell’evento di Ventotene e in uno studio sul messaggio europeista con la visita ai luoghi dove Spinelli, Pertini, Terracini, Scoccimarro, Rossi, Colorni, un gruppo di antifascisti al confino, concepì per la prima volta l’idea di un’Europa democratica e federale. La tappa di Ventotene concluderà un progetto che ha previsto anche la visita degli studenti al Parlamento europeo e l’organizzazione di una conferenza su «Il futuro dell’Europa», il 9 maggio in occasione della Festa dell’Europa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA