Famiglie e studenti

Dal 21 marzo docenti e studenti vanno al cinema a scuola «del bello»

di Eu. B.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

In occasione dell'arrivo della Primavera e in omaggio alla celebre opera di Botticelli, Sky Italia e Nexo Digital, con Ente Cassa di Risparmio di Firenze, hanno deciso di promuovere e sostenere un'iniziativa che non ha precedenti sul territorio italiano. Nell'ambito del progetto “Italia. La scuola del bello”, a partire dal 21 marzo fino alle fine del 2016 gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado saranno infatti invitati a partecipare alla visione cinematografica di Firenze e gli Uffizi 3D.

Il progetto
“Italia. La scuola del bello. arte, cultura e patrimonio” è il progetto ideato per offrire agli studenti la possibilità di scoprire e approfondire grazie al cinema alcuni aspetti del patrimonio artistico e culturale del nostro paese, studiando, nell’ottica dell’edutainment, luoghi, città, musei, opere d’arte che fanno dell'Italia l’unico paese al mondo ad ospitare 50 siti inseriti dall'Unesco nella lista del Patrimonio dell’Umanità. La prima tappa sarà la proiezione di “Firenze e gli Uffizi 3D – Viaggio nel Cuore del Rinascimento”, il film d'arte che racconta l'immenso patrimonio artistico del museo a cielo aperto che è la città di Firenze e che sarà preceduto da una speciale introduzione di Antonio Natali (direttore della Galleria dal 2006 al 2015) pensata appositamente per gli studenti.

Le istruzioni per le scuole
L’elenco delle sale cinematografiche che in via eccezionale apriranno le loro porte per permettere a docenti e scuole secondarie di secondo grado di prenotare la propria matinée cinematografica, sarà disponibile sul sito del Miur, di Agiscuola e su quello di Nexo Digital (www.istruzione.it , www.agiscuola.it e www.nexodigital.it ). Gli istituti scolastici potranno infatti riservare i propri posti direttamente presso i cinema della propria città aderenti all'iniziativa oppure contattando Nexo Digital all'indirizzo mail progetto.scuole@nexodigital.it o al numero di telefono di Antonella Montesi, 349/77.67.796, dalle 15 alle 19.

Il film
Firenze e gli Uffizi 3D attraversa luoghi simbolo della città con oltre 10 location museali e 150 opere d’arte mostrate sul grande schermo. Dalla Cappella Brancacci (con gli affreschi di Masolino e Masaccio, emblema del passaggio da Medioevo a Rinascimento) al Museo del Bargello che ospita il David di Donatello; da S. Maria del Fiore con le sue sfavillanti vetrate e la Cupola del Brunelleschi a Palazzo Medici; da Piazza della Signoria a Palazzo Vecchio sino alla Galleria dell'Accademia, che custodisce il David di Michelangelo. Cuore del film è naturalmente la Galleria degli Uffizi: gli spettatori potranno accedere all'interno della Tribuna (luogo visibile al pubblico solo da tre punti esterni) e Antonio Natali (direttore della Galleria dal 2006 al 2015) ci accompagnerà tra le opere con «l’auspicio che si entri agli Uffizi con l'idea di conoscere e non di sbalordire. Conoscere un’opera d’arte vuol dire leggerla come si fa con un testo poetico, come un componimento letterario». Nel commentare l’iniziativa il sottosegretario all’Istruzione, il fiorentino Gabriele Toccafondi cita «L’Italia è solo di chi l’ama» di Pier Paolo Pasolini e aggiunge: «Ancora di più oggi, quando gli occhi stupefatti dei nostri ragazzi incontrano la bellezza pura di Firenze, le gioie e le meraviglie degli Uffizi. Firenze e gli Uffizi è qualcosa in più che il ritratto di una civiltà inimitabile. È soprattutto un viaggio sognante, il modo straordinario per rendere familiare e semplice ciò che è già nostro: l’arte, la memoria, quel patrimonio condiviso di generazioni e generazioni, la visione della cultura come l'ordine morale – mai un privilegio - in cui un popolo torna ad essere se stesso. Ed è questo che voglio augurare a me e a voi: tornare a sognare».


© RIPRODUZIONE RISERVATA