Famiglie e studenti

Da oggi a sabato 12 Summit dell’education a Siena

di Maria Cristina Tubaro

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Parte oggi il primo Summit nazionale dell’education, prima manifestazione italiana interamente dedicata al tema dell’educazione, della conoscenza e del lavoro. Fino al 12 marzo il centro storico di Siena sarà aperto a docenti, studenti, famiglie, istituzioni ed esperti del settore, che potranno partecipare a dibattiti, workshop e convegni dedicati ai temi dell’orientamento, dell’innovazione, dell’istruzione, dell’education e del lavoro.
Ad organizzare l’evento l’università di Siena, Campus Orienta – Il salone dello studente, fondazione Monte dei Paschi di Siena, Class editori e il comune di Siena. Il Summit ha ottenuto il patrocinio di Miur, Regione Toscana, Usr per la Toscana, Crui e Alma Laurea, ed è stato realizzato anche grazie alla collaborazione con l’università per Stranieri di Siena, l’Istituto superiore di studi musicali “R. Franci”, Siena jazz - Accademia nazionale del jazz, la Fondazione accademia musicale chigiana, Dsu Toscana, Cus, l’università degli Studi di Firenze, l’università di Pisa, Giovanisì, Poste italiane e Microsoft.

Linee guida
Due linee guida: da un lato laboratori e attività di formazione per giovani e studenti, dall’altro il confronto istituzionale per gli operatori del settore. Quattro i “poli” previsti per affrontare i tanti temi del summit.
Il primo, Education, ospitato nell’aula magna storica del Palazzo del rettorato, affronterà i temi dello studiare e lavorare in Italia; della scelta della scuola e del lavoro; ci si chiederà qual è il punto di vista dei giovani e si indagheranno le nuove pratiche per la buona scuola, in particolare il rapporto con le imprese e la sfida dell’innovazione.
Sarà questa l’area dedicata ai grandi dibattiti, che avranno come protagonisti personaggi del panorama culturale e professionale italiano. Tra questi, Gabriele Toccafondi, sottosegretario Miur; Pier Luigi Celli, imprenditore, dirigente d’azienda, saggista e scrittore italiano; Roger Abravanel saggista e consulente aziendale; Monica Barni, vice presidente della Regione Toscana; Marco Gay, presidente Confindustria giovani; Donato Montibello, consigliere ministro del Lavoro; Pietro Lucisano, professore ordinario presso il Dipartimento di psicologia dei processi di sviluppo e socializzazione dell’università La Sapienza; Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell’Istituto di ortofonologia.
Nel polo “Innovation” si parlerà di innovazione e start up, di studio e benessere, di città universitarie, delle nuove sfide di creatività e innovazione. Nell’auditorium del complesso di Santa Chiara, gli studenti potranno esplorare le nuove opportunità del mondo del lavoro e della formazione offerte dalla nuove tecnologie; potranno imparare come sviluppare competenze trasversali; partecipare a laboratori per verificare le competenze digitali; potranno sperimentare Fab Lab, laboratori di fabbricazione digitale e per la stampa 3D, le tecniche di taglio e incisione dei materiali, la falegnameria, la lavorazione di componenti elettroniche e di tessuti interattivi.

Orientamento
Nel polo “Orientamento”, ospitato dal complesso didattico San Niccolò, sarà possibile usufruire di un servizio di counseling orientativo, confrontarsi con i test di accesso ai corsi di studio, sarà possibile capire come scegliere il proprio percorso formativo e universitario e immaginare, programmare, sognare, costruire il proprio futuro.
Lo spazio sarà suddiviso in aree tematiche: economia/giurisprudenza; scienze politiche/ scienze sociali; beni culturali/formazione/lettere/storia/filosofia/lingue/formazione/ psicologia; medicina; professioni sanitarie; biotecnologie/chimica e farmacia/ingegneria dell’informazione/matematica; biologia/scienze della vita/ambiente/ geologia; ingegneria civile/architettura. Gli studenti potranno individuare il proprio percorso formativo sulla base delle proprie doti e dei propri talenti, delle proprie aspirazioni professionali e le proprie inclinazioni, confrontandosi con professionisti ed esperti del settore e con docenti e studenti universitari.
Nel polo “Vivere e studiare a Siena”, a Palazzo Patrizi, si imparerà a conoscere la città di Siena e come si può vivere e studiare in una delle città più belle d’Italia e storicamente legata al mondo universitario.
Qui sarà possibile anche consultare il programma di tutti gli eventi culturali e sportivi in programma. Molte le proposte, tra le quali una mostra fotografica, una maratona non competitiva, attività sportive per diversamente abili, visite guidate in città, tour in bici nel centro storico.
Il Summit nasce la voglia di creare una sinergia tra mondo della scuola, università e mondo del lavoro così da favorire scambi di conoscenze ed esperienze, creare prospettive migliori per il futuro dei giovani e aiutare i ragazzi a riconoscere e valorizzare le proprie competenze.


© RIPRODUZIONE RISERVATA