Personale della scuola

Formazione on the job, con l'intesa tra Miur e direttori d'albergo tirocini per quasi 60mila studenti

di Francesca Malandrucco

S
2
4Contenuto esclusivo S24
Alternanza scuola lavoro/1. E' l'obiettivo del protocollo che istituisce la banca dati delle aziende alberghiere disposte ad accogliere i giovani

Una banca dati delle aziende alberghiere disponibili ad accogliere gli studenti in progetti di alternanza scuola-lavoro e più sinergie con il sistema scolastico a livello nazionale. Sono questi alcuni degli impegni del protocollo d'intesa appena siglato tra il Miur e l'Ada, l'Associazione direttori di albergo, per promuovere il tema dell'alternanza in un settore dove la richiesta di stage e tirocini è già altissima. L'obiettivo è quello di arrivare a coinvolgere fin dall'anno scolastico 2015-2016 almeno 60mila studenti in progetti strutturati di alternanza e una rete di oltre 10mila alberghi sparsi in tutta Italia, di cui poco meno di un migliaio fa parte dell'Ada.

L'intesa
Grazie al documento siglato con il Miur sia per le scuole che per le aziende sarà più facile entrare in contatto tra loro, stipulare convenzioni e attivare i progetti di formazione on the job secondo le nuove regole dettate dalla legge di riforma della scuola, a partire dalle 400 ore da passare in azienda, inclusi i tirocini estivi.
«Il protocollo ci permetterà di tenere sotto controllo le esperienze di alternanza, monitorando quanto accade tra alberghi, scuole e studenti – spiega Alessandro D'Andrea, presidente dell'Ada nazionale – un passaggio fondamentale per garantire che le regole dettate dal Miur con la Buona scuola siano rispettate da tutti. Nel nostro settore, infatti, si fa ricorso ad un uso continuo di tirocini e non sempre è stato possibile controllare e garantire che questi si svolgessero nel rispetto delle regole. Un monitoraggio constante delle attività, inoltre, ci permetterà di scambiare dati tra imprese alberghiere e magari condividere progetti di alternanza andando ad individuare quegli studenti che, per il loro curriculum scolastico, hanno più bisogno di fare esperienze "di lavoro" diversificate».

Orientamento e campus estivi
Nel giro di qualche settimana, per gli alberghi, sarà possibile scaricare direttamente dal sito internet dell'associazione (www.ada.it ), tutti i moduli per sottoscrivere la convenzione con un istituto alberghiero e dare il via ai progetti di alternanza. Mentre per le scuole saranno disponibili gli elenchi, a livello territoriale, degli alberghi pronti ad ospitare i tirocini dei ragazzi nel rispetto delle regole previste dalla «Buona scuola». Non solo. Durante l'anno Miur e Ada dovranno concordare l'organizzazione di attività di orientamento a livello territoriale rivolte sia agli studenti delle scuole medie inferiori che per gli studenti dell'ultimo anno delle scuole superiori.
Ma questo è solo il primo passo di una collaborazione, quella tra albergatori e Miur, che punta ad andare più lontano. Tra le proposte allo studio quella di integrare le ore di alternanza con «campus estivi» per gli studenti. In sostanza la proposta degli albergatori è quella di poter inserire i ragazzi che frequentano gli ultimi due anni degli istituti alberghieri nella stagione estiva degli alberghi attraverso veri e propri contratti di apprendistato che prevedano però facilitazioni fiscali per aziende.


© RIPRODUZIONE RISERVATA