Personale della scuola

L’incisività della riforma si gioca sulle deleghe (e sull’attuazione pratica)

di Luisa Ribolzi

Alla vigilia del varo delle nuove classi di concorso la tentazione di entrare nel merito dei dettagli è forte, ma rischieremmo di impantanarci in una facile aneddotica: una classe di concorso in «scienze e tecnologie della calzatura e della moda» era proprio necessaria? Torna a galla la resistenza del mondo della scuola a valorizzare le professionalità già presenti nel mondo del lavoro e in generale esterne al sistema. Se Roberto Bolle volesse insegnare al liceo coreutico ...


Quotidiano della Scuola

Scuola24 è il nuovo sistema informativo multimediale riservato a Docenti e Dirigenti scolastici, personale delle Università, Enti di Ricerca ed Istituzioni.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?