Famiglie e studenti

Aumentano gli studenti con disabilità e gli insegnanti di sostegno

di Mar.B.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Aumenta la presenza di alunni con disabilità tra i banchi di scuola. Sono 153.848 gli alunni con disabilità in Italia (3,4% del totale degli alunni), di cui 86.985 nella scuola primaria (3,1% del totale degli alunni, erano il 2,1% nell’anno scolastico 2001-2002) e 66.863 nella scuola secondaria di I grado (3,8% del totale, 2,6% nel 2001-2002).

Crescono alunni disabili e insegnanti di sostegno
Nell’anno scolastico 2014-2015 erano 153.848 (3,4% del totale degli alunni), di cui 86.985 nella Primaria (3,1% del totale degli alunni, erano il 2,1% nell'anno scolastico 2001-2002) e 66.863 nella Secondaria di I grado (3,8% del totale, 2,6% nel 2001-2002). La percentuale più elevata si riscontra in Abruzzo per la primaria (3,6%) e nella Provincia autonoma di Trento per la secondaria di I grado (4,8%) mentre le quote più basse si registrano in Basilicata (2,2% degli alunni della primaria e 2,6% di quelli della secondaria di I grado). Secondo il report dell’Istat la disabilità intellettiva e i disturbi dello sviluppo rappresentano i problemi più frequenti negli alunni con disabilità in entrambi gli ordini scolastici considerati. Gli insegnanti di sostegno sono 79.462, 5mila in più rispetto all’anno scolastico 2013-14, corrispondenti a un aumento del 6,8% . Il numero medio di ore settimanali di assistente educativo-culturale o assistente ad personam è di circa 10 ore. Tuttavia, nelle scuole del Mezzogiorno il numero medio di ore settimanali è inferiore (8,5) rispetto a quello delle regioni del Centro e del Nord (rispettivamente 10 e 9,8). Si stima che circa l'8,5% delle famiglie con alunni con disabilità nella scuola primaria e il 6,8% nella secondaria abbiano presentato negli anni un ricorso per ottenere l'aumento delle ore di sostegno. Dall'indagine emerge pure che il 14,7% degli alunni con disabilità della Primaria e il 16,5% di quelli della Secondaria di I grado hanno cambiato insegnante di sostegno nel corso dell'anno scolastico (il 41,9% degli alunni della Primaria e il 36,5% di quelli della Secondaria lo hanno cambiato rispetto all'anno precedente).

La partecipazione alla didattica
Le statistiche diffuse ieri dall’Istat mostrano, inoltre, che se è buona la partecipazione degli alunni con disabilità alle uscite didattiche brevi senza pernottamento organizzate dalla scuola - 91,2% nella primaria e 89,0% nella secondaria - l'adesione alle gite d'istruzione con pernottamento risulta invece più difficoltosa, soprattutto nella Secondaria di primo grado dove non partecipa il 22,5% degli alunni con sostegno. Quanto alle barriere architettoniche, resta ancora elevata la quota di plessi scolastici che ne hanno. Nel Mezzogiorno si registra la percentuale più bassa di scuole che hanno scale a norma (77,2% primarie e 86,6% secondarie) e servizi igienici a norma (72,4% primarie e il 77,3% secondarie di I grado). Le scuole sono invece poco accessibili in tutto il territorio nazionale se si considera la presenza di segnali visivi, acustici e tattili per favorire la mobilità all'interno della scuola di alunni con disabilità sensoriali, oppure la presenza di percorsi interni ed esterni accessibili.


© RIPRODUZIONE RISERVATA