Famiglie e studenti

Minori, Save The Children: tempo pieno solo per 3 bambini su 10, in Sicilia record di dispersione

di Al. Tr.

S
2
4Contenuto esclusivo S24
I dati del sesto Atlante dell'Infanzia: povertà e illegalità «deprivano» i minori di una vita dignitosa e della possibilità di sviluppare i propri talenti

Record di dispersione scolastica in Sicilia, mentre in tutta Italia solo il 31% delle scuole primarie garantisce il tempo pieno, con percentuali che scendono sotto il 20% in Molise, Sicilia, Campania, Abruzzo e Puglia. Sono alcuni dei dati contenuti nel sesto Atlante dell'Infanzia (a rischio) «Bambini senza. Origini e coordinate delle povertà minorili» presentato ieri in Senato da Save the Children, a pochi giorni dalla Giornata mondiale dell'infanzia che si celebra il 20 novembre. Il rapporto descrive un quadro dove i minori sono «deprivati» di una vita dignitosa e delle opportunità per sviluppare i propri talenti, anche a causa della crescente illegalità di cui sono vittime dirette e indirette.

I numeri
Dall'Atlante emerge che in Italia un bambino su 20 non può contare su due paia di scarpe l'anno e non riceve un pasto proteico al giorno. Quasi uno su 10 vive in famiglie che non possono permettersi di invitare a casa i suoi amici, festeggiare il suo compleanno, comprargli abiti nuovi, mandarlo in gita con la sua classe. Uno su 6 non ha la possibilità di frequentare corsi extrascolastici, quasi 1 su 3 di trascorrere almeno una settimana di vacanza lontano da casa. Solo 3 bambini su 10, tra quelli che frequentano la scuola primaria, hanno il tempo pieno a scuola e nel 40% degli istituti scolastici principali non c'è il servizio mensa. Migliaia di minori, poi, pagano un prezzo altissimo all'illegalità e alla corruzione che dilaga nei territori in cui vivono: sono almeno 85 i bambini e adolescenti incolpevoli uccisi dalle mafie dal 1896 ad oggi e molti di più coloro che hanno assistito all'uccisione di familiari o sono stati arruolati giovanissimi nelle file della criminalità organizzata; 546mila gli under 18 nati e cresciuti in uno dei 153 Comuni sciolti per mafia negli ultimi 17 anni, soprattutto al Sud ma anche al Centro e Nord Italia. Una deprivazione di opportunità che si riflette anche nelle scarse performance scolastiche: un alunno di 15 anni su 4 non raggiunge il livello minimo di competenze in matematica e 1 su 5 in lettura. Sono poi oltre 500mila i giovani (15-29 anni) che, negli anni, hanno deciso di trasferirsi al Nord per trovare lavoro e condizioni di vita migliori, per la gran parte laureati. E tra le numerose ferite che affliggono l'infanzia in Italia, l'Atlante documenta il clima di violenza nel quale crescono troppi bambini: si stimano in circa 400 mila i minori vittime di violenza assistita dentro le pareti domestiche.
Al Sud la povertà assoluta è più estesa e riguarda soprattutto famiglie italiane a differenza della povertà al Nord, in crescita nell'ultimo anno, alla quale contribuisce in gran parte il fenomeno migratorio. A fronte di ciò, colpisce l'esiguità delle risorse stanziate per l'infanzia: la spesa sociale nell'area famiglia e minori è molto più bassa della media europea, con 313 euro procapite a fronte di 506 euro in media in Europa e dei 952 euro della Germania. Se poi si considera l'investimento nei servizi erogati dai Comuni, emergono allarmanti differenze: si va dai 242 euro pro-capite in Trentino ai 20 euro pro-capite della Calabria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA