Famiglie e studenti

Strage di Parigi, oggi un minuto di silenzio nelle scuole e nelle università

Nelle scuole e nelle università si terrà oggi un minuto di silenzio per commemorare i morti nei sanguinosi attacchi terroristici che venerdì sera hanno sconvolto Parigi. A proporlo è stata la ministra Stefania Giannini: «Invito le scuole, le università, le istituzioni dell'Alta formazione artistica e musicale a dedicare, nella giornata di lunedì, un minuto di silenzio alle vittime della strage parigina e almeno un’ora alla riflessione sui fatti accaduti».
Sulla sua pagina Facebook la responsabile dell’Istruzione ha scritto che «i gravissimi fatti di Parigi rappresentano un attacco al cuore dell'Europa senza precedenti» al quale «dobbiamo subito dare una riposta, innanzitutto educativa e culturale». Nel ricordare l’hashtag #PorteOuverte (porta aperta, ndr) che è stato sui social network dai cittadini di Parigi subito dopo gli attacchi terroristici, per offrire un riparo a chi era in strada terrorizzato, la ministra ha aggiunto: «Porta Aperta deve essere anche la nostra risposta. Non possiamo restare indifferenti, paralizzati e chiuderci nelle nostre paure». Da qui la sua seconda proposta: dedicare - sempre oggi - «almeno un’ora alla riflessione sui fatti accaduti. Porte Aperte significa anche coinvolgere la cittadinanza, le famiglie».


© RIPRODUZIONE RISERVATA