Famiglie e studenti

A Bergamo coinvolte 81 aziende e 62 scuole

di Mar.B.

Numeri da record a Bergamo dove quest’anno sono ben 81 le aziende coinvolte (per 40 categorie merceologiche) con 62 scuole per 4.200 studenti. «In cinque anni abbiamo più che raddoppiato le adesioni, segno che le nostre imprese credono in questo appuntamento come un investimento nel futuro perché questi ragazzi domani potrebbero lavorare nelle nostre aziende», spiega Miriam Gualini vice presidente Piccola Industria di Confindustria Bergamo.

La decisione di coinvolgere i ragazzi delle scuole medie ha un significato preciso di orientamento: «Con queste visite gli studenti possono capire presto cosa significa lavorare in un’impresa, dove servono profili tecnici ma anche ingegneri, addetti al marketing e dove lavorano anche le donne», aggiunge Gualini che è amministratore delegato di Gualini Lamiere spa.

Le visite in azienda tra l’altro non si riducono a un giro nei capannoni o a un confronto con l’imprenditore: «Nella mia azienda a esempio abbiamo deciso di coinvolgere i ragazzi in un gioco che prevedeva di lavorare in gruppi per trovare una soluzione a un problema e sviluppare così la propensione al team building». Un modo, questo, per far capire che l’impresa che non è un posto «brutto con il fumo nero, ma un luogo con professionalitàe competenze e dove vince il merito».


© RIPRODUZIONE RISERVATA