Famiglie e studenti

Il Sud resta ancora indietro nella qualità dell’istruzione

di Eugenio Bruno

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Il capitale umano è una variabile cruciale per lo sviluppo. Parte da questo assunto, ormai generalmente accettato, la Svimez per analizzare a che punto è il Sud nel recupero del suo gap formativo con il resto del paese. E lo fa per evidenziare come al recupero sul piano della «quantità» dell’istruzione non ne sia però corrisposto uno analogo dal punto di vista della «qualità». Ancora troppo bassi appaiono infatti sia i livelli generali dell’apprendimento sia la quota di popolazione in possesso di una laurea.

Il recupero quantitativo
Il rapporto sottolinea come negli ultimi due decenni, l'Italia abbia «realizzato sul piano della “quantità” di istruzione progressi significativi in particolare per la scuola superiore. Grazie a un processo di scolarizzazione «ancora più accentuato nel Mezzogiorno che ha compiuto straordinari passi avanti superando sui principali indicatori le performances del resto del
Paese». Confermato da due numeri su tutti: la quota di diplomati meridionali ha addirittura superato quelli settentrionali (80 contro 75% nel 2013); anche nell’istruzione universitaria il Sud ha raggiunto il resto della penisola. Non tutti i nodi sembrano però essere stati sciolti perché i livelli di istruzione complessivi rimangono più bassi al Mezzogiorno. E non solo nelle fasce di età più elevate. Complice un calo delle immatricolazioni che ha interessato l’intero stivale ma che al Sud fa sentire maggiormente i suoi effetti

I ritardi qualitativi
Al netto miglioramento della “quantità” di istruzione - precisa la Svimez - corrisponde «invece una situazione non certo soddisfacente per la “qualità”». La prima conferma arriva dalle indagini internazionali. I test Pisa sulla conoscenza della matematica certifica che il 25% degli studenti italiani non raggiunge le competenze internazionalmente riconosciute. Una quota che al Sud supera il 33 per cento. Questi dati vengono avvalorati dalle rilevazioni nazionali dell’Invalsi che - si legge nel rapporto - dimostrano come la qualità degli apprendimenti diminuisca «in maniera sensibile a mano a mano che ci si sposta da Nord a Sud». Risultati che, secondo l’associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno, sono dovuti ai lunghi anni di crisi che hanno caratterizzato l’economia meridionale. «I risultati formativi infatti si innestano nella società attraverso le occasioni di lavoro che favoriscono la valorizzazione delle conoscenze acquisite e aumentano le opportunità di mobilità sociale».

L’ascensore sociale si è fermato
Un quadro del genere di fatto ha fermato l’ascensore sociale che la scuola può rappresentare. I miglioramenti nel campo dell’istruzione - fa notare la Svimez - non sembrano «essere in grado di “emancipare” gli studenti dai contesti sociali e territoriali di provenienza, e dunque di promuovere un'effettiva uguaglianza delle opportunità». Un fenomeno dovuto anche alle dinamiche insite nel nostro mercato del lavoro e allo squilibrio che caratterizza la domanda e l’offerta di soggetti qualificati. Tra il 2008 e il 2014, infatti, i laureati hanno avuto un incremento percentuale del 19,3% mentre i soggetti attivi con basso titolo di studio si sono ridotti del 33,7 per cento. Peccato che nello stesso periodo in Italia sono diminuite le quote di occupati in professioni che richiedono un titolo di studio alto o medio (rispettivamente -8,7% e -3,4%) ed è aumentata del 16,7% quella relativa alle professioni che richiedono un titolo di studio basso. Con le solite divergenze territoriali: se il Mezzogiorno ha registrato la contrazione più importante della domanda di skill elevati (-14,1%), il Centro-Nord presenta, invece, una crescita consistente della domanda di bassi skill.

Il giudizio sulla «Buona scuola»
In questo solco si inserisce la riforma dell’istruzione varate nei mesi scorsi. Che, a detta della Svimez, va apprezzata soprattutto per la logica di programmazione pluriennale che la caratterizza. Fermo restando - aggiunge - che «il vero banco di prova, su cui si dovrà misurare l'efficacia o meno della riforma, è proprio nella sua capacità di essere strumento di equità e di promozione sociale, come da tempo ha smesso di essere, di colmare i divari quali-quantitativi tra aree territoriale e tipologie di scuole». In quest’ottica un ruolo cruciale lo avrà un corpo docente «più motivato e meglio remunerato sulla base delle sfide e dei risultati». A patto di non ragionare solo in termini quantitativi di stabilizzazioni, bensì «rafforzando dunque quei meccanismi premiali e motivazionali» che guardano ai risultati dell'insegnamento anche sulla base della difficoltà della sfida che si affronta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA