Famiglie e studenti

Over60 a scuola di web. E a insegnare sono gli studenti

di Anna Marino

Al via la seconda edizione di «ABC Digital», che ha educato i giovani ad insegnare ad usare il web agli over60. Si tratta del progetto di alfabetizzazione dei non nativi digitali che fa parte del piano strategico di Assolombarda per la città metropolitana di Milano e delle province di Lodi, Monza e Brianza. Buona notizia che porta con sè premi per le scuole, per i professori e per gli studenti che vanno oltre la scrivania e i banchi.

L’iniziativa
Il progetto infatti propone agli studenti un’esperienza di alternanza scuola-lavoro volta al potenziamento e al consolidamento delle competenze trasversali e di cittadinanza. Il progetto inoltre va nella direzione di colmare il digital divide e realizzare così gli obiettivi dell’Agenda Digitale europea. Secondo la Commissione Europea sullo stato di avanzamento verso un’economia e una società digitali, l’Italia è al 25° posto su 28 stati europei; la Germania al 10°, la Spagna al 12°, la Francia al 14°. E gli utenti abituali di internet sono ancora pochi, in Italia come in Lombardia: il 59% in Italia, il 65% in Lombardia, contro l'82% in Germania.

I numeri
È stato lo stesso Gianfelice Rocca, presidente di Assolombarda, a premiare le cinque scuole più attive nell’alfabetizzazione dei non nativi digitali, sottolineando i risultati della prima edizione che ha coinvolto 13 aziende partner e 22 scuole: circa 1700 over 60 formati da oltre 550 studenti, grazie al supporto di più di 60 trainer e tutor aziendali, per più di 900 ore d’aula. Queste le cinque scuole premiate: prime classificate (ex-aequo) IIS Emilio Alessandrini di Abbiategrasso e IIS Inveruno; terza classificata Liceo Statale Maffeo Vegio di Lodi; quarta classificata Liceo Scientifico Donato Bramante di Magenta; quinta classificata ITTS-LSA Ettore Molinari di Milano.

Rocca (Assolombarda): scoperta una socialità nuova
Secondo il presidente di Assolombarda Rocca non bisogna fermarsi qui: «La seconda edizione ha l’obiettivo di rendere virale il progetto, più scuole e più anziani parteciperanno. Credo che l’idea stia avanzando, nella prima edizione anche una signora novantenne ha partecipato con successo. Gli insegnanti ci hanno messo passione, i giovani hanno imparato insegnando e hanno imparato anche come sia difficile insegnare e gli anziani hanno scoperto una socialità nuova, hanno potuto parlare con i loro figli in giro per il mondo, usufruire della città digitale».

Per questo «ABC Digital» è stato proposto alle associazioni confindustriali lombarde e vedrà una sperimentazione in ambito extrascolastico, attraverso il coinvolgimento delle imprese associate, dei Comuni, delle organizzazioni di volontariato, giovanili e della terza età.
Anna Marino


© RIPRODUZIONE RISERVATA