Famiglie e studenti

Grande distribuzione, sconti online e mercatini dell’usato: guida all’acquisto low cost dei libri di testo

di Lorena Loiacono

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Parte il count down per l’avvio del nuovo anno scolastico e tra gli studenti è iniziata la caccia al libro. L'elenco dei testi da acquistare, infatti, è già a disposizione delle famiglie: l’adozione è stata effettuata dal collegio dei docenti nella seconda metà del mese di maggio proprio per consentire ai ragazzi di arrivare preparati al primo giorno di scuola. Le scelte deliberate prima della fine dello scorso anno scolastico non possono infatti essere modificate.

Tra il nuovo e l’usato
Per limitare il peso del caro-libri, che ogni anno incombe sulle famiglie al rientro dalle vacanze, è possibile orientarsi su acquisti più economici con testi di seconda mano che, in casi particolarmente favorevoli, arrivano a costare fino al 70% in meno. Ma sempre con un occhio attento alla qualità e alle buone condizioni del testo. Se invece si preferisce utilizzare solo libri nuovi, per scelta o perché ci si trova di fronte a nuove edizioni, non mancano le offerte sul mercato fatte di sconti e promozioni ad hoc.

Usato sicuro
Il mercatino dell'usato è diventato quasi un rito di inizio anno: si va dalla scelta di utilizzare il libro del fratello più grande fino alla compravendita dei testi fuori dalle singole scuole, acquistando i libri dei compagni più grandi. Ma non solo, in molte città esiste il mercato dell’usato in cui arrivano testi di ogni disciplina, spesso in ottime condizioni, dove è anche possibile contrattare sul prezzo e avere maggiori sconti se si lascia i propri libri usati, tra quelli dello scorso anno. Nei mercatini dell’usato si trovano anche testi fondamentali come i dizionari che spesso fanno impennare la spesa nel primo anno, ad esempio per materie come il greco e il latino al liceo classico o le lingue al linguistico. I mercatini sul territorio sono tantissimi e vengono organizzati anche da diverse associazioni come nel caso dell'Unione degli studenti che garantisce sconti fino al 50% del prezzo di copertina. Senza contare che, spesso, anche nelle librerie di fiducia, quelle cosiddette “sotto casa”, esiste la possibilità di acquistare libri nuovi e usati a ottimi prezzi magari anche vendendo i propri che non servono più come una vera e propria permuta.

Nuovo, a ogni costo
Ma gli affari non sono solo sul libro usato. È possibile infatti approfittare di notevoli sconti anche acquistando nella grande distribuzione. Punti vendita ben noti alle famiglie italiane che restituiscono parte dei costi sostenuti per l'acquisto dei libri in buoni spesa. Come accade ad esempio nei punti Conad, Auchan, Coop, Carrefour e Simply con rimborsi dal 15 al 25% . Tra questi, Carrefour permette anche di pagare a rate dilazionando la spesa. Non tutti i supermercati dei vari gruppi aderiscono all’iniziativa e quindi è sempre meglio informarsi prima, anche perché in alcuni casi per accedere alle promozioni servono le carte fedeltà dei clienti abituali. E c’è anche chi, come Esselunga, offre uno sconto direttamente sul prezzo di copertina senza dover per forza utilizzare poi i buoni sconto.

L’affare a portata di click
La scelta non è solo tra l'acquisto del libro nuovo e quello del libro usato. Esiste infatti la possibilità, in forte e dilagante espansione, di cercare, scegliere e ordinare i libri di scuola comodamente da casa, davanti al pc. Grazie alle offerte che corrono sul web legate a siti specialistici che garantiscono occasioni da non perdere. Tramite il sito www.adozionilibriscolastici.it, ad esempio, è possibile effettuare una ricerca partendo dalla regione di appartenenza, arrivando alla città e alla scuola di interesse, accedere alla propria classe di frequenza e leggere la lista dei testi in adozione. A quel punto si accede ad Amazon, il sito dedicato all'acquisto dei libri, e si procede con l'ordine sia dei testi nuovi sia di quelli usati. Libri nuovi e usati sono in vendita anche su Libraccio, Ibs, eBay,Libreriascolastica e su numerose pagine social delle varie associazioni studentesche o delle singole scuole in cui i ragazzi, spesso, si mettono direttamente in contatto tra loro per la compravendita.


© RIPRODUZIONE RISERVATA