Famiglie e studenti

Guida alle iscrizioni 2015/2016: ecco le risposte ai principali quesiti dei genitori

di Claudio Tucci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Che procedure bisogna seguire? Cosa fare se i genitori sono separati, o per iscrivere il secondo figlio o un ragazzo con disabilità? Lo abbiamo chiesto al direttore generale per gli Ordinamenti scolastici del Miur, Carmela Palumbo, che ha risposto ai quesiti più frequenti delle famiglie in vista dell’avvio delle iscrizioni online. Ecco il vademecum.

In caso di genitori separati chi deve compilare la domanda?
Il decreto legislativo 154/2013 ha modificato alcuni articoli del codice civile riguardanti il diritto di famiglia. In base a tali modifiche, le decisioni di maggiore interesse per i figli, come quelle relative all’istruzione e all’educazione, devono essere sempre condivise dai genitori. Per questo, è stato previsto che il genitore che compila la domanda di iscrizione deve dichiarare di avere effettuato la scelta in accordo con l’altro genitore. Nel modulo di iscrizione online questa dichiarazione viene effettuata apponendo un flag obbligatorio in una specifica casella. Anche nel modello cartaceo utilizzato per le iscrizioni alla scuola dell’infanzia è prevista una specifica dichiarazione che deve essere sottoscritta dal genitore che presenta la domanda.

Cosa devono fare i genitori che hanno già utilizzato la piattaforma online per l’iscrizione del primo figlio e devono iscrivere ora il secondo?
Le famiglie con più figli non devono registrarsi più volte. La registrazione infatti serve per ottenere un codice di accesso al servizio delle iscrizioni online con cui possono essere presentate tutte le domande di iscrizione necessarie. Attenzione: se la registrazione è stata effettuata per le iscrizioni dello scorso anno, occorre effettuare una nuova registrazione perché le credenziali non sono più valide.

Per l’iscrizione di un bambino affetto da disabilità quali documenti bisogna allegare?
Non occorre allegare alcun documento alla domanda di iscrizione online. Occorre però presentare alla segreteria della scuola prescelta la certificazione di disabilità rilasciata dalla Asl, comprensiva di diagnosi funzionale.

I documenti sono gli stessi anche per un bambino con Dsa?
Come per gli alunni con disabilità non occorre allegare alcun documento alla domanda di iscrizione online. Occorre però presentare alla segreteria della scuola prescelta la diagnosi rilasciata ai sensi della legge 170/2010.

Quale procedura va seguita per l’iscrizione di un minore adottato?
Se l’adozione è definitiva, si può effettuare con l’iscrizione online. Se invece le procedure di adozione non sono definitive o il minore è in fase di pre-adozione, l’iscrizione deve essere effettuata direttamente presso la segreteria della scuola prescelta. In questo modo si garantisce la riservatezza dei dati relativi al minore.

Quali regole disciplinano l’iscrizione di un minore straniero e privo di codice fiscale?
L’iscrizione degli alunni stranieri segue le stesse regole previste per l’iscrizione degli alunni italiani. Se l’alunno è privo di codice fiscale, può essere comunque effettuata l’iscrizione online. Una funzione presente nel sistema delle iscrizioni online consente la creazione di un cosiddetto “codice provvisorio”, che, in seguito, l’istituzione scolastica sostituirà con il codice fiscale definitivo. Se invece è il genitore a essere privo del codice fiscale, non è possibile compilare la domanda online ma occorre presentarla direttamente presso la segreteria della scuola prescelta oppure della scuola attualmente frequentata.

La stessa disciplina vale anche per i corsi di formazione e istruzione professionale?
Quest’anno, per la prima volta, è possibile effettuare l’iscrizione online anche per frequentare corsi di formazione e istruzione professionale istituiti dalle Regioni. Tale possibilità, però, è prevista solo per Piemonte, Lombardia, Veneto, Basilicata e Molise, che hanno aderito all’iniziativa delle iscrizioni online.

Cosa succede in caso di trasferimento successivo alla domanda di iscrizione?
Occorre chiedere il nulla osta al dirigente scolastico della scuola presso cui era stata presentata la domanda di iscrizione e poi consegnare questo documento alla scuola dove si intende trasferire l’alunno. Ovviamente l’iscrizione sarà accettata solo nel caso di disponibilità di posti e purché il trasferimento avvenga prima dell’inizio delle lezioni.

Per gli iscritti alle classi diverse dalle prime qual è la procedura da seguire?
Per gli alunni già iscritti a classi diverse dalla prima non occorre effettuare nessuna iscrizione per il prossimo anno scolastico. Infatti l’iscrizione alle classi successive alla prima avviene d’ufficio.

Si può effettuare l’iscrizione online alla scuola dell’infanzia?
No, non è prevista l’iscrizione online. Per le scuole dell'infanzia le iscrizioni devono essere effettuate direttamente presso la segreteria della scuola prescelta.

Dopo la fase sperimentale vanno a regime i licei sportivi: una scuola può attivare autonomamente una nuova sezione?
Le scuole statali dove sono istituite, sulla base di delibera regionale, sezioni a indirizzo sportivo dei licei scientifici possono attivare per il 2015/2016 soltanto una sezione.

Tutte le domande di iscrizione vengono accolte?
Ogni scuola accoglie le domande di iscrizione in base ai posti disponibili. Se riceve un numero maggiore di domande, saranno utilizzati criteri di precedenza o punteggi deliberati dal Consiglio di istituto. Questi criteri saranno visibili sul modello di iscrizione online.
Nel caso la domanda non venga accolta, la segreteria la invierà alla seconda o alla terza scuola indicata nel modulo online.

Le domande di iscrizione vengono accolte in base all’ordine di presentazione?
No. Tutte le domande vengono valutate in base ai criteri di precedenza deliberati dalla scuola, senza tener conto della data di presentazione. È però necessario che vengano compilate ed inviate entro il termine stabilito dalla circolare e cioè entro il 15 febbraio 2015.

È possibile modificare una domanda dopo che è stata inoltrata online?
No, non è possibile. Se la domanda è stata già inoltrata bisogna rivolgersi direttamente alla segreteria della scuola indicata nel modello.


© RIPRODUZIONE RISERVATA