Famiglie e studenti

Le imprese adottano una scuola per Expo 2015: siglato il protocollo Confindustria-Miur

di Marzio Bartoloni

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Stringere un gemellaggio tra impresa e scuola nel segno dell’Expo 2015. È l’obiettivo del protocollo firmato ieri dal presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, e dal ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini. «Tutte le sedi territoriali di Confindustria - ha detto
Squinzi - adotteranno una scuola per sostenere le visite degli studenti a Expo 2015». Grazie anche al protocollo, secondo Giannini, «2 milioni di studenti si metteranno in moto per
visitare l'Expo».

Il via libera al protocollo
Che l’Expo sia nel cuore di Confindustria è noto (è tra l’altro uno dei partner istituzionali del Padiglione Italia). E da tempo l’associazione degli industriali promuove anche iniziative formative in vista dell’esposizione universale del prossimo anno che si terrà a Milano e sarà dedicata al tema dell’alimentazione. Un appuntamento cruciale per Confindustria che ha deciso ora di aggiungere un nuovo tassello: ieri il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi – in diretta tv durante la trasmissione Rai Porta a Porta – ha firmato con il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, un protocollo che prevede che le 250 associazioni territoriali e di categoria o le singole imprese possano adottare una o più classi per sostenere le scuole che vorranno far visitare l'esposizione ai propri studenti. «Due milioni di studenti si metteranno in moto per visitare Expo», ha annunciato il ministro Giannini. «Tutte le sedi di Confindustria adotteranno una scuola per sostenere le visite degli studenti all'Expo», ha confermato Squinzi che si è detto «convintissimo che sarà una vetrina per l'Italia». «Noi come imprese – ha ribadito Squinzi – crediamo tantissimo nell'Expo e nelle ricadute che avrà per le aziende italiane».

Il progetto «Adotta una scuola» per l'Expo 2015
Confindustria in base a un protocollo siglato con il Miur punta a mobilitare il sistema associativo e le imprese per aiutare economicamente le scuole nell'organizzazione della visita all'Expo 2015 . L’obiettivo è quello di sostenere così l'impegno del Miur di organizzare e promuovere la maggiore partecipazione possibile delle scuole di primo e secondo grado ad Expo. Le Associazioni e le aziende potranno scegliere una scuola del territorio o, in alternativa, far riferimento alle scuole selezionate dal ministero. Saranno particolarmente favoriti i rapporti tra associazioni e aziende situate nel Nord del Paese con le scuole ubicate nel Sud così da avviare gemellaggi territoriali di reciproco interesse. Un Comitato paritetico Miur-Confindustria avrà il compito di individuare le modalità idonee per la più ampia diffusione delle iniziative avviate e il coordinamento degli interventi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA