Famiglie e studenti

Edilizia scolastica, dalle Regioni ok definitivo all’anagrafe nazionale

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24
In Conferenza Unificata via libera all’accordo che permetterà di raccogliere i dati del patrimonio scolastico per un’efficace programmazione degli interventi

Via libero definitivo per il Sistema nazionale delle anagrafi dell'edilizia scolastica (Snaes). Ieri nella riunione della Conferenza unificata è stato infatti approvato l’accordo che consentirà alle Regioni, a partire dal prossimo lunedì, 1 dicembre, di inserire in un’apposita piattaforma informatica tutti i dati relativi al patrimonio edilizio scolastico di competenza degli Enti locali.

Più trasparenza
Il 6 febbraio scorso il Sistema è stato oggetto di un accordo tra Governo, Regioni e gli Enti locali che oggi ha concluso il proprio iter dando concretezza alle decisioni prese allora.
«Obiettivo dello Snaes è censire l’intero patrimonio dell’edilizia scolastica del nostro paese e acquisire informazioni relative alla consistenza, alla situazione e alla funzionalità degli edifici – spiega il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone - Ciò, oltre a rendere trasparente il sistema, rappresenta uno strumento essenziale per le programmazioni legate all’edilizia, permettendo di individuare le priorità e consentendo di utilizzare in modo più efficace ed efficiente le risorse, già a partire dal prossimo anno quando continuerà il piano di edilizia scolastica del governo Renzi. Gli edifici scolastici saranno “schedati” e finalmente potremo avere un quadro chiaro dello stato dell’edilizia delle nostre scuole. Per decidere è necessario conoscere. Avere i dati è un passaggio fondamentale per pianificare le azioni e gli investimenti e per intervenire in modo più puntuale e mirato».
In questa prima fase, sottolinea Viale Trastevere, non tutte le Regioni trasmetteranno i propri dati: le sei che al momento sono in ritardo, assicura il Miur, si sono impegnate a farlo rapidamente nei prossimi mesi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA