Famiglie e studenti

A Napoli «Montelibrario» è il presidio educativo contro la dispersione

di Daniela Abbrunzo

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Far giocare i bambini napoletani con i libri e la letteratura può servire a combattere il tasso di dispersione scolastica. E questo che devono aver pensato le cinque under 35 Ilaria Guerra, Francesca Michelon, Benedetta Parenti, Viola Taranto e Laura Scotti mentre progettavano “Montelibrario”: la prima libreria- laboratorio per lettori da 0 a 16 anni dei Quartieri Spagnoli (inaugurata lo scorso sabato 15 novembre) sorge a Napoli, nell'ex sede della Congregazione delle figlie della carità.

Legame col territorio
Montelibrario deriva da Montecalvario, il quartiere in cui è nata la struttura: un nome che spiega il forte legame esistente fra la libreria e il tessuto sociale in cui si inserisce. La cooperativa femminile che gestisce Montelibrario è stata finanziata da Foqus (Fondazione quartieri spagnoli): un network che riunisce 16 imprese, tre fondazioni e un numero non precisato di persone ( 2 studi tra legali e notarili e 2 persone) con lo scopo di finanziare progetti per la formazione, creare nuova impresa e testare modelli di welfare per la comunità. Il privato in questo caso si è “sostituito” al pubblico. Per dirla come Rachele Furfaro, presidente di Foqus: «Questo è un progetto trasversale di welfare partecipato e di rigenerazione urbana. Non dimenticamo che siamo in una delle aree di Napoli con il tasso più elavato di dispersione scolastica dei ragazzi dagli 8 ai 14 anni e dove vive il 10 per cento dei bambini di tutta la città».


L'impresa sociale Dalla parte dei Bambini
L'impresa si è fatta carico della gestione degli spazi che, fino a due anni fa, appartenevano alla Congregazione delle figlie della carità e al tempo stesso, tramite Foqus, è riuscita a finanziare i suoi progetti. In questo luogo grazie a “Dalla parte dei bambini” e alla Fondazione quartieri spagnoli (oltre a creare Montelibrario) si è potuto ripristinare un nido, una scuola per l'infanzia e dare vita a molte strutture dedicate alla formazione.


Montelibrario e i suoi eventi
La libreria inizierà i suoi laboratori a gennaio, ma nel frattempo si prepara a ospitare alcuni eventi: il 20 novembre sarà sede del concorso letterario “La pagina che non c'era” e il 12 dicembre ospiterà la presentazione del libro di Franco Lorenzoni “I bambini pensano grande. Cronaca di un'avventura pedagogica”. Il pubblico a cui si rivolgerà Montelibrario è proprio quello del quartiere, lo stesso che frequenta le scuole del complesso gestito da “Dalla parte dei bambini”. «Noi pensiamo di fare delle attività laboratoriali con i bambini che frequentano sia il nido e la scuola dell'infanzia, sia le elementari – spiega Laura Scotti, una delle cinque professionste della cooperativa - Pensiamo anche di proporre attività laboratoriali, percorsi tematici e adozioni di libri a tutte le scuole del territorio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA