Famiglie e studenti

Da Snam e ministero dell’Ambiente un concorso per le primarie che immaginano il futuro

di Lucilla Vazza

La fantasia dei bambini per elaborare nuovi scenari di futuro a base di «Scienza, conoscenza… fantascienza» è al centro del nuovo concorso per le scuole elementari, promosso da Snam, con il patrocinio del ministero per l'Ambiente e realizzato in collaborazione con Federparchi-Europarc Italia.

Domani i vincitori della prima edizione
L’idea della società energetica è di coinvolgere i ragazzi nell’elaborazione di progetti ed elaborati che abbiano come tema portante la ricerca scientifica e l’innovazione, con un particolare riguardo al rapporto con l’ambiente. L’obiettivo per l’anno scolastico 2014-15 è rafforzare la formazione scientifica nei più giovani, attraverso percorsi didattici creativi interdisciplinari. L’occasione per lanciare questo secondo concorso, è la giornata di celebrazione dei vincitori della prima edizione dell'iniziativa dal titolo «Storie che raccontano il Futuro» . Domani all'Orto Botanico di Roma oltre alla premiazione, sarà presentato l’allestimento della mostra con tutti i disegni pervenuti e il calendario realizzato in collaborazione con Silver, il fumettista che ha creato Lupo Alberto. Una giornata di festa per celebrare i ragazzi che hanno vinto, ma anche tutti gli altri: perché l’importante è stimolare la fantasia e riuscire a guardare oltre, immaginando un mondo sostenibile e rispettoso della biodiversità. Le scuole partecipanti alla scorsa edizione hanno inviato oltre 2mila elaborati, di cui 75 ammessi alla selezione finale. Vista l’elevata qualità dei lavori presentati, la giuria ha decretato dieci menzioni speciali, ma solo le tre scuole con punteggio più alto si sono aggiudicate i premi in palio: tre lavagne interattive multimediali touchscreen.

L’innovazione in chiave sostenibile
Il nuovo concorso si rivolge agli studenti delle classi terze, quarte e quinte delle scuole primarie italiane e a quelle analoghe di alcune città europee, poiché gli interessi della Snam, che ha lanciato il concorso, si stanno orientando – e lo saranno sempre più in futuro - verso l'Europa che con il programma Horizon 2020 ha dato all’innovazione una posizione centrale. Ai bambini che parteciperanno saranno presentati i vari ambiti tematici in modo non nozionistico con un approccio ludico e curioso. L’innovazione, affrontata anche in chiave sostenibile, verrà presentata come elemento di coesione per il benessere della collettività, in quanto consente il miglioramento della qualità della vita e favorisce lo sviluppo umano. In compagnia di alcuni personaggi, i bambini compiranno un viaggio attraverso le innovazioni e le invenzioni, alla scoperta dell'Europa. Saranno presentate le invenzioni e le nuove applicazioni della scienza, evidenziando anche l'aspetto eco-sostenibile che caratterizza quel Paese. Per far comprendere facilmente l'idea di una scienza al servizio dell'unione dei popoli e quindi della pace, verranno presentati esempi di recenti innovazioni, “nate” grazie alla partecipazione e alla interconnessione di scienziati di vari Paesi. Due esempi su tutti sono il Cern di Ginevra e i Laboratori nazionali del Gran Sasso: la dimostrazione concreta del valore di progresso e di coesione dell'Europa.

Concorso e premi
I bambini saranno invitati a produrre degli elaborati di classe su come vedono il mondo del futuro, tra scienza e fantascienza. I temi proposti si ispireranno all'energia. Partendo dall'analisi della quotidianità, si intende stimolare la fantasia e la creatività dei bambini che dovranno ideare la loro invenzione facendo emergere il legame tra scienza-innovazione e fantascienza-realtà. I bambini saranno così scienziati per un giorno. I lavori, inviati alla segreteria di concorso, saranno valutati da una commissione giudicante che valuterà gli elaborati e selezionerà i finalisti in funzione dei criteri di coerenza al tema del concorso, originalità di idee e materiali utilizzati. Le scuole vincitrici del concorso riceveranno un premio per la scuola a supporto della didattica.


© RIPRODUZIONE RISERVATA