Famiglie e studenti

Per le attività complementari di educazione fisica pronti 14,5 milioni

di Claudio Tucci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Poco più di 75 euro a classe. A tanto ammonta il finanziamento per le attività complementari di educazione fisica che arriveranno alle scuole dal ministero dell’Istruzione. Lo comunica una nota del Miur che evidenzia come, per quest’anno, siano a disposizione complessivamente circa 14,5 milioni (14.498.667 per l’esattezza) che andranno, appunto, divisi per il numero complessivo delle classi di istruzione secondaria in organico di diritto. E quindi arriverà una quota base di 75,57 euro per classe.

Le attività delle scuole
Ciascuna scuola, pertanto, dovrà progettare l’attività nel limite della risorsa assegnata, calcolata moltiplicando il parametro di base di 75,57 euro per il numero delle classi in organico di diritto. Sarà cura della dg per le Risorse umane e finanziarie disporre l’assegnazione della risorsa entro il limite massimo citato, pari sempre al valore totale dei progetti validati. La liquidazione e il pagamento della risorsa sono comunque subordinati all’effettiva realizzazione dei progetti di avviamento alla pratica sportiva. A tal fine è stato predisposto un portale www.campionatistudenteschi.it.

L’iscrizione ai campionati studenteschi
Il portale sarà reso disponibile alle scuole a partire dal giorno 10 novembre e le stesse avranno la possibilità di inserire i dati richiesti entro e non oltre il giorno 12 dicembre. Sul sito è pubblicata una guida all’uso dei servizi previsti. Attraverso la medesima piattaforma, le scuole potranno anche iscriversi ai campionati studenteschi e all’attività classi in gioco, organizzati dal Miur e dal Coni, con la collaborazione del Cip, delle federazioni sportive e degli enti locali. La partecipazione è riservata agli studenti delle istituzioni scolastiche di primo e secondo grado statali e paritarie, regolarmente iscritti e frequentanti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA