Famiglie e studenti

Contro il bullismo l’Ue punta su Facebook e Twitter per raggiungere 6 milioni di studenti

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24
Nasce Enable, rete pubblico-privata finanziata da Bruxelles per promuovere un corretto comportamento fuori e dentro la Rete.

In Europa la lotta al bullismo viaggia anche sui social network. Da Bruxelles arriva Enable, (European Network Against Bullying in Learning and Leisure Environments ), la rete europea nata dalla collaborazione tra enti pubblici e una cordata di imprese formata da Ask.fm, Facebook, Twitter e Vodafone. Il progetto, finanziato dall’Unione, è rivolto agli 11-14enni e punta a coinvolgere entro il settembre del 2016 più di 2 milioni di insegnanti e 6 milioni di studenti in attività pensate per contribuire al benessere dei giovani attraverso il loro sviluppo sociale ed emotivo. Risorse per le scuole, iniziative di ricerca sul tema del mobbing e del bullismo, programmi di mentoring: sono questi i principali canali di azione della rete.

Le azioni
Il progetto - coordinato da European Schoolnet, il network che raccoglie 31 ministeri dell’Istruzione europei - sarà attuato da sei partner pubblici attivi in Belgio, Danimarca, Regno Unito, Croazia, Grecia. Le attività puntano a coltivare lo sviluppo socio-emotivo dei giovani - lavorando su empatia e autostima attraverso moduli di apprendimento specifici da integrare nel curriculum - e ad aumentare nei ragazzi la consapevolezza di sé e la capacità di comprendere le conseguenze dei propri comportamenti, anche attraverso l’uso di strumenti multimediali (video, foto). I docenti e le famiglie, dal canto loro, potranno partecipare a corsi di formazione per imparare a interagire al meglio con gli studenti.

Il ruolo delle imprese
I partner industriali contribuiranno al progetto finanziando le attività e le risorse supplementari per le scuole, ma anche garantendo la diffusione delle best practice attraverso il Web. «I cinque paesi coinvolti hanno tutti i mezzi testati ampiamente contrastanti per affrontare il bullismo - dice Janice Richardson, Senior Advisor di European Schoolnet - e come partner di Enable essi saranno in grado di condividere le migliori pratiche e sviluppare nuovi approcci per affrontare positivamente le cause del mobbing in contesti differenti ».


© RIPRODUZIONE RISERVATA