Famiglie e studenti

Lombardia: dalla Giunta oltre 361 milioni per borse di studio, alternanza e scuole sicure

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24
Presentato il «pacchetto risorse» che finanzierà gli interventi per l'anno scolastico 2014-2015

Borse di studio per i più meritevoli, formazione dei prof, alternanza scuola lavoro e link con le aziende, progetti legati a Expo 2015: sono questi i principali «assi» di intervento sui quali la Regione Lombardia è pronta a investire oltre 361 milioni di euro nell'anno scolastico 2014-2015.

I fondi stanziati
Il «pacchetto risorse» per l'istruzione e la formazione messo in campo dalla Giunta - presentato nei giorni scorsi dal presidente Roberto Maroni, insieme con gli assessori regionali Valentina Aprea (Istruzione) e Mario Melazzini (Attività produttive) - ammonta a 361,9 milioni ed è suddiviso tra i capitoli «Cantieri della Lombardia», «Welfare e merito», «Studiare in azienda, trovare lavoro a scuola», «Expo 2015». I «Cantieri», spiega la Giunta in una nota, possono contare su una dote di 60,7 milioni di euro, così suddivisi: 32,5 milioni per l'edilizia scolastica (nuove costruzioni, ampliamenti e manutenzioni straordinarie); 700mila per la formazione dei docenti per la didattica digitale; 500mila euro destinati a premiare le scuole che hanno realizzato i migliori progetti digitali; 27 milioni già assegnati per Generazione web a 358 istituzioni scolastiche e formative per oltre 40milastudenti beneficiari di tablet o computer. I fondi a disposizione delle azioni per «Welfare e merito» ammontano invece a 51,7 milioni, di cui 50,7 riservati alla cosiddetta «Dote Scuola» per 150mila studenti (30 milioni per il «Buono scuola», 16 milioni per i libri e la tecnologia, 4,7 milioni per la disabilità) , mentre 1 milione è destinato a finanziare la «Dote Merito», grazie alla quale gli studenti che hanno conseguito voti superiori al 9 possono frequentare un'esperienza formativa di alto livello all'estero.

Link scuola-lavoro
La Giunta mette in campo, poi, 249,5 milioni per rafforzare il link tra scuola e lavoro. Una parte dei fondi sono destinati a «Garanzia Giovani», iniziativa che in Lombardia coinvolge direttamente scuole e atenei nelle attività di placement per neodiplomati e laureati: sarà attivato un primo programma, finanziato con 35 milioni, per il quale si sono già accreditati 56 poli tecnico professionali, 140 scuole e 11 università. Altri 96 milioni serviranno a finanziare 2.300 corsi di Istruzione e formazione professionale, per oltre 46mila studenti, mentre ulteriori 18,5 milioni per 108 corsi Its -Ifts per formare 2.100 tecnici specializzati.
La strategia legata a Expo 2015, infine, comprende diversi progetti: «New talented Italian chef for Expo 2015», scambi di docenti tra Italia e Usa, accoglienza di giovani, stagisti e delegazioni nel collegi universitari, attività fuori Expo per studenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA