Famiglie e studenti

Il 22 maggio mille studenti in viaggio verso Palermo sulla nave della legalità Miur

di Alessia Tripodi

A bordo anche il ministro Giannini per partecipare alla commemorazione delle stragi di Capaci e Via D'Amelio

Oltre mille studenti salperanno da Civitavecchia con la nave della legalità per unirsi ai 22mila giovani che il prossimo 23 maggio commemoreranno a Palermo il 12esimo anniversario delle stragi di Capaci e di Via D'Amelio. Quest'anno sarà «L'uso responsabile del denaro pubblico» il tema dell'iniziativa organizzata dal ministero dell'Istruzione in collaborazione con la Fondazione Giovanni e Francesca Falcone. La nave, messa a disposizione dalla Snav, partirà il 22 maggio da Civitavecchia con a bordo, fra gli altri, il ministro Stefania Giannini, il Presidente del Senato Pietro Grasso, il Presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi, il Presidente della Corte dei Conti Raffaele Squitieri, il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti, il Presidente Rai Anna Maria Tarantola. Salperanno da Civitavecchia oltre 1.500 fra studenti e docenti che, prima della partenza, riceveranno il saluto del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Concorso per le scuole
Le due giornate di commemorazione rappresentano il momento conclusivo del percorso di educazione alla legalità e al contrasto delle mafie che per tutto l'anno viene portato avanti nelle scuole italiane attraverso progetti didattici specifici. E per invitare studenti e docenti a riflettere su questi temi c'è anche un concorso, quest'anno dedicato all'uso responsabile del denaro pubblico. Le scuole vincitrici saranno premiate il 23 maggio durante la cerimonia di commemorazione ‘Economia e legalità' in programma nell'Aula Bunker del carcere Ucciardone di Palermo, l'aula del maxiprocesso alla mafia. Il Miur seguirà le due giornate con una diretta twitter sul proprio profilo (@MiurSocial) e mettendo a disposizione foto e informazioni in tempo reale sul proprio sito istituzionale (www.istruzione.it).

Il viaggio per la legalità
Durante il viaggio da Civitavecchia a Palermo le scuole svolgeranno attività didattica «sul campo» attraverso incontri e dibattiti dedicati all'educazione alla legalità, alla lotta alle mafie, all'uso corretto del denaro pubblico incontrando interlocutori istituzionali e dibattendo con le Associazioni che si occupano di questi temi. Fra gli interlocutori anche il presidente di Libera Don Luigi Ciotti, il vice presidente di Confindustria Ivanhoe Lo Bello e il professor Nando Dalla Chiesa. Sulla nave saranno presenti delle delegazioni di studenti delle scuole italiane all'estero. La nave sbarcherà la mattina del 23 maggio a Palermo dove i ragazzi ricorderanno Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli uomini e le donne delle scorte uccisi in due attentati mafiosi. Nel pomeriggio due cortei partiranno uno dall'Aula Bunker e l'altro da Via D'Amelio per riunirsi in Via Notarbartolo, sotto l'Albero Falcone, e celebrare insieme il momento solenne del Silenzio suonato dal trombettiere della Polizia di Stato all'ora della strage: le 17.58.


© RIPRODUZIONE RISERVATA