Famiglie e studenti

Regione Lazio, borse di studio per la formazione all'estero

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24

La Regione Lazio mette in campo fondi Fse per promuovere la mobilità di studenti e laureati in altre regioni o nei Paesi Ue. Con l'obiettivo di accrescere il livello di competenze professionali dei giovani e favorire, così, il loro inserimento nel sistema produttivo regionale.

Le borse di studio
Si chiama "Torno subito" il programma di alta formazione e alternanza lanciato dall'assessorato alla Formazione del Lazio che offre borse di studio e contributi ai 18-35enni, italiani o stranieri, residenti o domiciliati nel territorio regionale da almeno 6 mesi, che vogliano sperimentare un periodo di studio o lavoro della durata massima di un anno al di fuori dei confini regionali. Ogni progetto formativo si svolgerà due fasi: nella prima i ragazzi frequenteranno un periodo di apprendimento o una "work experience" presso una struttura qualificata, mentre nella seconda fase, quella dedicata al "reimpiego delle competenze acquisite", i candidati torneranno nel Lazio per lavorare presso uno dei soggetti partner del programma.

I fondi a disposizione
I finanziamenti – a valere sul Por Fse 2007-2013 – sono riservati a disoccupati o inoccupati con contratto in scadenza e copriranno i costi dei percorsi formativi (fino a un massimo di 7mila euro), delle borse di studio o di lavoro, delle eventuali polizze, ma anche le indennità (pari a un massimo di 400 euro lordi mensili) che saranno corrisposte ai giovani nella seconda fase del programma.
Il termine per presentare la domanda di partecipazione scade il 5 maggio prossimo. Tutte le info e il bando sono disponibili all'indirizzo http://www.tornosubito.laziodisu.it/


© RIPRODUZIONE RISERVATA