Famiglie e studenti

Ventimila professionisti in campo per la messa in sicurezza delle scuole

di Eugenio Bruno

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Oltre ventimila professionisti docenti, tra ingegneri geometri e tecnici, si mettono a disposizione del Governo per individuare gli interventi da effettuare negli istituti scolastici per la loro messa in sicurezza. A formalizzare la proposta è stato lo Snid una lettera al premier Matteo Renzi, ai ministri Maurizio Lupi (Infrastrutture) e Stefania Giannini (Istruzione) e al presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, Armando Zambrano, lo Snid . L'obiettivo è quello di coinvolgere in modo concreto i docenti e gli allievi degli Istituti Tecnici Industriali e Istituti Professionali che troppo spesso hanno un approccio teorico riguardo all'argomento ''prevenzione e sicurezza'' .

La lettera al premier

Nella missiva inviata al presidente del Consiglio e agli membri del governo interessati alla partita sull'edilizia scolastica, 'associazione nazionale ingegneri docenti definisce la propria proposta «educativa, efficace e pratica», che ben «si armonizza in un contesto in cui i fondi sono ridotti e servono tempi rapidi». Da qui l'impegno a far sì che i professionisti docenti diventino «un anello di collegamento tra la scuola e il mondo del lavoro» e che, a loro volta, gli studenti diano « un contributo serio per risolvere i problemi della sicurezza e della prevenzione che oggi purtroppo vedono l'Italia come fanalino di coda in Europa». Non si tratterebbe di un caso isolato - sottolinea una nota dello Snid - visto che gli ordini professionali ne hanno già sperimentato una simile con professionisti volontari nel dopo terremoto dell'Aquila e dell'Emilia Romagna di concerto con la Protezione Civile. Tutto ciò in vista dell'incontro operativo di martedì 29 aprile a Roma del ministro Lupi che servirà anche a esaminare proposte e procedure per un veloce coordinamento dei volontari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA