Enti e regioni

Stipendio, carriera, viaggi di lavoro: così si trattengono i «millennial» in azienda

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Attrarre e mantenere i migliori talenti è un aspetto sempre più importante per le aziende. Per facilitare l’incontro tra le parti, Uniplaces, il brand leader nel settore degli affitti per studenti universitari, ha intervistato circa 500 giovani italiani per capire quali sono le loro priorità nella ricerca di un’occupazione. Dalla ricerca sono emersi chiaramente quattro elementi che ogni azienda dovrebbe tenere presente per migliorare la propria attrattività.

Lo stipendio prima di tutto
Il mito vuole che i Millennial si preoccupino poco all’ammontare dello stipendio, ma è giunta l’ora di sfatare questa convinzione. Più di un intervistato su due (53%) afferma infatti di guardare molto alla retribuzione per decidere se accettare o meno l’offerta da parte di un’azienda. L’eccellenza, come in tutte le cose, ha un costo.

Offrire prospettive di crescita in azienda
Una buona notizia per le aziende: i giovani italiani non sono particolarmente propensi a cambiare lavoro molto spesso, ma cercano anzi aziende disposte ad accoglierli e farli crescere internamente. Il 47% degli studenti intervistati dichiara infatti di valutare una proposta anche sulla base delle opportunità di carriera che offre.

Giocare la carta del business travel
Se per le generazioni precedenti i viaggi di lavoro erano in molti casi un aspetto necessario, per i Millennial sono invece un fattore assolutamente desiderabile, al punto da influenzare le loro scelte in fatto di carriera. Lo dice il 43% degli intervistati, affermando di valutare un'offerta di lavoro anche sulla base delle opportunità di viaggio che offre.

La distanza non conta
Dalla ricerca emerge inoltre la grande disponibilità dei giovani a trasferirsi in un'altra città per lavoro: solo il 2% degli intervistati dichiara infatti di tenere in considerazione la distanza dalla propria città d'origine nel valutare una proposta. Insomma, se un'opportunità è davvero buona, il 98% dei giovani italiani non si fa problemi a spostarsi pur di coglierla.


© RIPRODUZIONE RISERVATA