Enti e regioni

Da Enel un piano di apprendistato nell’area del sisma

di Claudio Tucci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Trenta studenti di due istituti tecnici abruzzesi, l’Alessandrini-Marino di Teramo e il Luigi di Savoia di Chieti, hanno firmato un contratto di apprendistato. E ancora: corsi di formazione ad hoc sulla banda larga. Enel prova a dare un contributo per spingere la ripresa economica nelle aree dell’Abruzzo colpite, lo scorso anno, da sisma e maltempo, puntando su occupazione e formazione.

I 30 studenti-apprendisti (selezionati su più di 70 candidati) sono ragazzi del quarto anno, dell’indirizzo di studi in Elettronica ed Elettrotecnica, ed entreranno in azienda con una settimana di formazione trasversale che prenderà avvio presso il centro di addestramento dell’Aquila di E-distribuzione. I giovani verranno subito inseriti nelle unità operative delle zone di L’Aquila/Teramo e Pescara/Chieti. Con l’inizio delle attività didattiche, saranno presenti “on the job” un giorno alla settimana e verranno formati su competenze specifiche; nel periodo estivo, accederanno nelle strutture operative di E- distribuzione full time per un periodo di training, “sul campo”. Durante l’intero percorso teorico-pratico, i giovani apprendisti saranno affiancati da tutor aziendali e figure interne esperte (tra le quali, i responsabili delle unità operative e della sicurezza e ambiente locali). In totale, saranno erogate 30mila ore di formazione nei primi due anni, 6mila ore il terzo.

Nell’ambito, poi, dell’avvio del piano di posa della fibra ottica, a cura delle società di telecomunicazioni, E-distribuzione ha fatto partire un percorso formativo interno per “rafforzare” competenze tecniche emergenti: la prima fase è stata finalizzata alle “conoscenze di base”, con particolare riferimento alle nuove modalità operative per l’esecuzione dei lavori, dei nuovi materiali introdotti e dell’impatto sulla rete elettrica. Nella zona del cratere Abruzzo/Marche sono stati formati 50 tecnici. La seconda fase è attualmente in corso: qui l’obiettivo è fornire competenze tecnico/operative di progettazione relative alle condizioni necessarie per la posa, da parte delle Tlc, della fibra ottica sulla rete elettrica oltre che illustrare le novità introdotte dal regolamento di accesso alla rete elettrica. Nella zona del cratere sono stati formati circa 15 tecnici/operai. Complessivamente, la formazione rivolta ai tecnici di E-distribuzione che operano nelle zone terremotate ammonterà a circa 10mila ore.

Spazio, infine, alla formazione mirata per riqualificare professionisti delle imprese di impiantistica e a corsi ad hoc per 150 giovani non occupati in Abruzzo su progettazione, giunzione, collaudo, esercizio e manutenzione di reti in fibra ottica. Uno sforzo in più per formare, in prospettiva, risorse utili alle aziende impegnate nell’installazione della fibra ottica, dando così ulteriore impulso alla diffusione della banda larga.


© RIPRODUZIONE RISERVATA