Formazione in azienda

Per Accenture 2.400 assunzioni in Italia quest’anno. Con attenzione all’occupazione femminile

Accenture ha avviato quest’anno una campagna di assunzioni che prevede di integrare entro la fine dell’anno 2.400 risorse in Italia, di cui 1.800 tra profili senior e junior dipendenti e 600 stage. In questo ambito l’azienda di consulenza accelera sulla presenza di donne, con l’obiettivo di raggiungere un tasso di assunzioni femminili del 35-40% sul totale. L’annuncio è stato fatto in occasione della giornata conclusiva della terza edizione di Nuvola Rosa, progetto di Microsoft Italia nato per spingere le giovani donne a intraprendere percorsi di formazione tecnico-scientifici.

I sei mesi di attività di Nuvola Rosa, avviati a maggio con tre giornate milanese di formazione specializzata in ambito digitale - su coding, Internet of things, cloud computing, digital marketing -, hanno coinvolto quasi 2mila ragazze di 18 diverse nazionalità, che vanno ad aggiungersi alle 1100 formate nelle due precedenti edizioni.

L’attività si è sviluppata in undici grandi eventi e 150 sessioni di training in 26 atenei per offrire formazione sulle tecnologie più richieste dal mercato, con l’obiettivo di contribuire a colmare il gap di genere nel mondo dell’Ict, già fortemente penalizzato dal fenomeno del disallineamento tra domanda e offerta di competenze tecnologiche. Il fenomeno è particolarmente radicato in Italia, dove il tasso di mismatching è del 13%, a fronte di una media mondiale pari al 7 per cento, mentre ancora oggi nel settore Ict lavorano solo 29 donne ogni mille dipendenti.

«Se guardiamo a tutta Accenture - ha detto il responsabile Human Capital & Diversity di Accenture Iceg, Francesca Patellani - oggi abbiamo una presenza del 30% sul totale della popolazione. Il nostro obiettivo è una grande sfida, perché ci rivolgiamo a un mercato che vede ancora una carenza di profili femminili con competenze in materie “Stem” (scienza, tecnologia, ingegneria, matematica». La campagna di selezione riguarda profili professionali con differenti livelli di competenza, selezionati tra neolaureati e professionisti esperti, in prevalenza nelle aree digital e strategy, tecnology e consulting.


© RIPRODUZIONE RISERVATA