Enti e regioni

Accordo in Lombardia: anche i 15enni potranno iscriversi ai centri per gli adulti

di Claudio Tucci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Anche i 15enni potranno iscriversi ai centri provinciali per l’istruzione degli adulti. È quanto prevede unaccordo siglato nei giorni scorsi tra la regione Lombardia e l’Ufficio scolastico regionale .

I contenuti dell’accordo
Gli studenti che hanno compiuto il quindicesimo anno di età privi del titolo di studio conclusivo del primo ciclo di istruzione e in ritardo con la carriera scolastica, possono essere iscritti e frequentare i Cpia nel percorso di primo livello - primo periodo didattico, per particolari e motivate esigenze, è scritto nell’intesa. In particolare, i giovanissimi si devono trovare in queste condizioni: seguano le attività didattiche nell’istituto secondario di primo grado con frequenza irregolare; dimostrino rilevanti difficoltà di apprendimento nel gruppo dei pari; abbiano un profitto negativo e/o un comportamento inadeguato rispetto al regolamento di istituto; e siano venuti meno al Patto di corresponsabilità sottoscritto.

Procedure ed esami
Il singolo Cpia definisce con le scuole secondarie di primo grado del territorio di competenza, protocolli operativi finalizzati a istituire collaborazione nel governo della carriera scolastica degli studenti quindicenni, che conduca verso il successo formativo, in accordo con le famiglie o con chi detiene la potestà genitoriale.
Gli studenti quindicenni iscritti presso i Cpia e frequentanti il primo periodo didattico o frequentanti in convenzione percorsi di qualifica di istruzione e formazione professionale presso gli enti accreditati dalla regione Lombardia alla formazione, dovranno sostenere gli esami di Stato conclusivi del primo ciclo di istruzione presso il Cpia, in ottemperanza alle disposizioni dettate dal Miur.


© RIPRODUZIONE RISERVATA