Bandi e dottorati

L'Università forma i geologi del petrolio

POTENZA - Non c'è Nimby nei luoghi della cultura. Nell'Università della Basilicata è appena partito, infatti, il Master di secondo livello in "Petroleum Geoscience" per lo studio geologico dei giacimenti petroliferi promosso in collaborazione con Total e Shell. Un corso per preparare esperti nell'analisi geologica delle aree da cui si estrarrà il petrolio, con lezioni frontali esclusivamente in lingua inglese, l'utilizzo di software innovativi, seminari e campagne di studio nell'Appennino lucano e nei giacimenti locali.

Figure professionali altamente qualificate e fortemente richieste dal settore, quali gli esperti di sviluppo dei campi petroliferi (field development) che in questo percorso formativo, seguiranno anche attività seminariali tenute da tecnici delle compagnie sponsor del Master ed un training (team project) coordinato da Total e Shell. Tutte le attività didattiche e seminariali saranno svolte nel Campus universitario di Potenza.
La campagna (field course) sarà basata in particolare sull'osservazione in affioramento della geologia dell'Appennino meridionale, con particolare attenzione alle rocce presenti nel sottosuolo dei campi petroliferi della Val d'Agri e di Corleto Perticara (Potenza). Il Master, hanno spiegato il direttore commerciale di Shell Italia E&P, Tom Kjolberg, e il direttore dell'ufficio di rappresentanza di Potenza di Total E&P Italia, Giuseppe Cobianchi, rappresenta un'ottima opportunità di formazione sul territorio regionale, per acquisire competenze professionali rilevanti anche a livello internazionale e di interesse per le compagnie petrolifere. Competenze che potranno investire nel settore Oil & Gas, ma anche in altri campi delle geoscienze.


© RIPRODUZIONE RISERVATA