Pubblica e privata

Ricerca, borse di studio Ue: l'Italia arriva seconda. Peccato che la metà dei «cervelli» lavori all'estero

di Eugenio Bruno

Eppur si muove. Verrebbe da dire, a proposito della ricerca italiana, guardando i risultati del primo concorso per borse di studio di consolidamento (Consolidator Grant) resi noti dalla Commissione Ue. Nei 312 "cervelli" individuati dal Consiglio europeo della ricerca (Cer), che si divideranno 575 milioni di finanziamenti, ci sono 46 italiani. Siamo il secondo Paese, dopo la Germania, per numero di scienziati premiati. Peccato che oltre la metà dei ricercatori in questione operi all'estero: ben 26. Che ...


Quotidiano della Scuola

Scuola24 è il nuovo sistema informativo multimediale riservato a Docenti e Dirigenti scolastici, personale delle Università, Enti di Ricerca ed Istituzioni.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?